Pages Menu
Categories Menu

Come saranno le previsioni meteo per questa estate?

Previsioni Meteo

La meteorologia non è affatto una scienza esatta perché non esiste niente di più imprevedibile del clima, ma con il passare degli anni le tecnologie a disposizione dei centri di analisi e di studio dei fenomeni atmosferici sono sempre più sofisticate, e “predire il futuro” non è più come giocare a dadi con il destino. Si riesce quasi sempre a illustrare le condizioni climatiche reali, com’è capitato in relazione alle previsioni meteo dell’estate 2014.

Il mese di giugno è quasi terminato e ci avviamo a vivere i due mesi tradizionalmente più caldi dell’anno, luglio e agosto.

Quest’anno l’estate si è fatta attendere più del previsto, con un mese di giugno instabile sia dal punto di vista della temperatura che da quello meteorologico. Con massime intorno ai 17° e ingenti piogge, fenomeni temporaleschi e trombe d’aria in alcune zone del Sud Italia, chi aveva prenotato in anticipo le vacanze estive per il mese in corso è rimasto oltremodo deluso, per non dire fregato, dal cattivo tempo. Anche perché il cattivo tempo ha coinvolto, in maniera più o meno intensa, tutto il Paese, colpendo indistintamente tutti. Almeno in questo è stato democratico!

Meteo

I meteorologi avevano prontamente previsto questo andamento del mese di giugno, provocato dall’aumento delle temperature delle acque del Golfo di Guinea. Quando questo accade, infatti, sono meno  frequenti e intense le incursioni dell’anticiclone africano sull’Italia. Ad un mese di giugno più freddo e instabile del solito, però, faranno seguito un mese di luglio leggermente più caldo della norma e un mese di agosto rovente. I termometri raggiungeranno cifre record simili a quelle delle estati torride del 2000, 2003, 2009 e 2012. A provocare quest’innalzamento delle temperature è il fatto che all’effetto “Golfo di Guinea” si aggiungerà il cosiddetto El Niño, un anomalo surriscaldamento delle acque del Pacifico equatoriale che tende ad amplificare la calura estiva in Italia. Gli effetti di questo aumento delle temperature, però, sarà avvertito soprattutto nei mesi di agosto e settembre, in quando El Niño tende a far sentire la sua presenza dopo circa 3-4 mesi.

A quanto pare, quindi, il mese migliore per prenotare le proprie vacanze balneari è luglio, caratterizzato da temperature leggermente più alte del solito, e buon tempo per quasi tutto il tempo, fatta eccezioni per alcuni episodi sporadici.

Da qualche anno, ormai, le temperature sembrano essere impazzite, e diventa effettivamente difficile poter organizzare le proprie ferie, e in un periodo di crisi come quello che sta attraversando l’Italia spendere dei soldi per farsi rovinare tutto dalla pioggia è un lusso che nessuno può e vuole permettersi. Anche se con effetti sempre meno evidente, il fenomeno del Global Warming, o riscaldamento globale, continua a svolgere un ruolo fondamentale nella schizofrenia climatica alla quale stiamo assistendo. Fortemente sostenuta dagli ecologisti e dagli ambientalisti, la teoria del riscaldamento globale è molto controversa, e nonostante “testimoniali” d’eccezione come l’ex Vice Presidente degli Stati Uniti d’America, nonché candidato alla presidenza contro George W Bush, Al Gore, si batte per questo tema da anni ormai, sfruttando ogni mezzo di comunicazione possibile, compreso il documentario cinematografico. Suo, infatti, è il film “Una scomoda verità”, nel quale illustra gli effetti dell’inquinamento sul riscaldamento globale della terra. Molti considerano questa teoria una bufala, ma è abbastanza evidente che il susseguirsi delle stagioni come lo conoscevamo un tempo non esiste più, e che il caldo a dicembre o l freddo a giugno ci spingono a riconsiderarla. Il proverbiale “non esistono più le mezze stagioni” non rientra più esclusivamente nella sfere dei luoghi comuni e delle frasi fatte, ma ha assunto lo status di verità oggettiva a causa degli strani e repentini cambi climatici che ci ritroviamo ad affrontare.

Ricapitolando, messo alle spalle il mese di giugno, instabile e con temperature più basse della norma, l’estate sarà finalmente protagonista dei mesi di luglio e agosto. Fidatevi delle previsioni e approfittatene per prenotate le vostre vacanze.

Perché il meteo è una cosa seria, oggi più che mai.

Comments

Comments