Pages Menu
Categories Menu

Bagagli smarriti: ecco cosa fare in caso

Bagagli smarriti ? Non c’è modo peggiore che iniziare le vacanze attendendo inutilmente che il nastro trasportatore, una volta giunti all’aeroporto di destinazione, ci riconsegni i nostri bagagli, con le inevitabili perdite di tempo e pazienza che, purtroppo, questo non rarissimo inconveniente porta con sé. Come comportarsi, dunque, nel caso in cui vengano smarrite le nostre valigie? A chi dobbiamo rivolgerci? Come si può chiedere un rimborso?

Cosa fare appena smarrito i bagagli

Innanzitutto non bisogna perdere la calma, poiché nella maggioranza dei casi i bagagli vengono ritrovati nel giro di 24 ore, e sono piuttosto infrequenti le situazioni in cui dovremo attendere per più di tre giorni. Prima di allontanarsi dall’aeroporto, comunque, la prima cosa da fare è quella di rivolgersi all’ufficio oggetti smarriti (Lost & Found) portando con sé il biglietto aereo e lo scontrino della valigia persa per fare la denuncia. Qui andrà compilato un apposito modulo (il PIR – Property Irregular Report) nel quale si dovrà descrivere nel modo più accurato possibile il bagaglio perduto, riportando tutte le informazioni (circa il colore, la marca, le dimensioni, il modello ed eventuali particolari) che possano essere utili al ritrovamento dello stesso. Nel PIR si dovrà anche indicare se si preferisce ritirare personalmente il bagaglio o se si vuole che lo stesso sia riconsegnato tramite posta al proprio domicilio o in hotel, qualora venga recuperato.

Il kit e il budget di assistenza

Al momento della denuncia la maggior parte delle compagnie aeree vi fornirà un kit con beni di prima necessità (dentifricio, spazzolino) o un budget per l’acquisto degli stessi. Conservate invece scontrini e le ricevute che attestino tutte le altre spese che avete dovuto sostenere a causa dello smarrimento della valigia, che potranno tornare utili nel richiedere successivamente il rimborso. Le spese per cui si può fare richiesta di risarcimento comprendono anche quelle per le telefonate fatte allo scopo di informarsi sul bagaglio e per recarsi personalmente in aeroporto a prendere la valigia in caso di ritrovamento.

Quando un bagaglio diventa ufficialmente “smarrito”

Se il bagaglio non viene reperito entro 3 settimane dal momento della denuncia esso è definitivamente dichiarato “bagaglio smarrito” e avete 21 giorni di tempo per inoltrare, tramite raccomandata A.R., il vostro ricorso alla compagnia aerea, nel quale dovrete indicare i vostri dati e quelli del volo, inserire una lista con il contenuto della valigia e allegare una copia dello scontrino del bagaglio, del biglietto aereo e del modulo PIR con le ricevute e gli scontrini delle spese sostenute in ragione dello smarrimento. Il risarcimento può essere chiesto anche se il bagaglio vi è stato riconsegnato in ritardo (anche in questo caso avete 21 giorni di tempo dalla data della riconsegna e dovete seguire la medesima procedura) e se la valigia presenta danni o ci sono oggetti mancanti (in quest’ultima situazione avete invece una settimana di tempo per inoltrare il ricorso).

Obbligo di risarcimento

In base alla convenzione di Montreal, tutte le compagnie aeree che vi aderiscono hanno l’obbligo di risarcire l’utente danneggiato con un rimborso del valore massimo di poco inferiore ai 1.200 euro per bagaglio, che va corrisposto anche per tutti quei casi in cui la compagnia stessa è esente da responsabilità. Se la compagnia non aderisce invece alla convenzione di Montreal, il rimborso può essere chiesto solo se si riesce a dimostrare che la stessa ha la responsabilità del danno subito, per cui si può chiedere un risarcimento che non può tuttavia superare i 388 €. Vi ricordiamo che se i bagagli smarriti , ovvero le vostre valigie, contengono oggetti di valore (computer, gioielli, ecc.) la cosa migliore da fare, per evitare risarcimenti inadeguati alle perdite subite, è quella di stipulare un’assicurazione aggiuntiva al momento dell’imbarco, effettuando una dichiarazione di maggior valore dello stesso che da diritto a rimborsi di entità superiore a quelli precedentemente indicati.

Concludiamo augurandovi di non dover comunque mai avere bisogno di questa guida!

Comments

Comments